Teatri Italiani

Teatri di Milano e della Lombardia

I TEATRI DI MILANO E DELLA LOMBARDIA

Programma del 4 febbraio 1913

Programma dell’8 gennaio 1914

TEATRO  CARCANO (MILANO)

 Il 3 settembre 1803 la nobiltà e la ricca Borghesia riempirono il teatro per la serata inaugurale: il programma comprende “ZAIRA” tratta dal dramma di  Voltaire, musicata da Vincenzo Federici. Il teatro ha quattro ordini di palchi e una capienza da 1200 a 1500 posti.

Locandina pubblicitaria di domenica 3 ottobre 1915 – alle ore 20,45, Quarta rappresentazione del dramma lirico in cinque atti di J. BARBIER e M. CARRE’  “F A U S T” Musica di CARLO GOUNOD

 Personaggi e interpreti:

 Il dottor Faust….Narciso Del Ry

Mefistolele…….Vittorio Julio

Valentino………Dario Zani

Wagner………. Antonio Volponi

Margherita……..Maria Castellazzi

Siebel………….Adalgisa Giana

Marta………… Tina Tanfani

TEATRO  DAL VERME (MILANO)

Prende il nome dall’antica famiglia dei Dal Verme che abitava gli edifici in via S. Giovanni sul Muro e Puccini nel XIX secolo. Il progetto della sua costruzione venne affidato all’architetto Pestagalli che realizzò una struttura a forma di ferro di cavallo e della capienza di tremila posti all’incirca; aprì i battenti nel 1872. I bombardamenti del 1943 dovuti alla Seconda Guerra Mondiale distrussero gli interni e la cupola. Il restauro venne ultimato nel 1946.

Immagini interne del Giornale Programma “BUONASERA” del 16 gennaio 1916. (Pubblicità di Gusto)

Locandina pubblicitaria di domenica 16 gennaio 1916 ore 14,30 si rappresenterà “LA  GIOCONDA” Melodramma di quattro atti di TOBIA GORRO, Musica di A. PONCHIELLI. Personaggi e interpreti:

La Gioconda……E. Toninello,

Laura Adorno…..A. Ponzano

Alvise Badoero…A. Fossati

La cieca…………V. Ferluga

Enzo Grimaldi…U. Lappas

Barnaba…………Giulio Fregasi

e alle  ore 20,45 “MEFISTOFELE” Opera in 4 atti Prologo ed Epilogo di ARRIGO BOITO. Personaggi e interpreti:

Mefistofele….. Giuseppe Quinzi-Tapergi

Faust…………Gennaro Barra

Margherita……Sarah Fidelia Solari

Elena…………Ines Tannini

Marta…………(

Pantalis………( Vida Ferlunga

Wagner………(

Nerèo…………( Carlo Quaia)

Maestro concertatore e Direttore d’Orchestra     BALDI  ZENONI

Milano – Piazza Ferrari – Teatro Filodrammatico – affrancata c. 5 “Leoni” inoltrata il 24\4\1909 dall’Ufficio Postale di Milano per Caltanisetta

Bergamo – Teatro Donizetti – affrancata lire 10 “Siracusana” inoltrata nel 1958 dall’Ufficio Postale di Bergamo per Milano

TEATRO GAETANO DONIZETTI – BERGAMO

Il Teatro Donizetti di Bergamo nasce verso la fine del XVIII secolo col nome di Teatro Nuovo o Teatro di Fiera, in un’area adibita a Fiera. Bortolo Riccardi, ricco commerciante, senza curarsi troppo delle polemiche che ne conseguirono, edificò il primo nucleo del Teatro stabile che ora conosciamo, che prese il nome di Teatro Riccardi. Quando il Teatro era ancora in costruzione si incominciarono a dare le prime rappresentazioni artistiche: la prima opera vi fu rappresentata nel 1874 e fu Medonte re di Epiro di Giuseppe Sarti.

L’inaugurazione ufficiale invece avvenne il 24 agosto 1791.

La struttura originaria, completamente diversa dell’attuale, fu distrutta da un incendio nel 1797. L’architetto Gianfranco Lucchini, che già aveva progettato l’interno del Teatro andato distrutto, ricevette la commissione di guidare i lavori di costruzione del nuovo Teatro. Bisogna aspettare il 30 giugno 1800 per l’inaugurazione della struttura così come noi la conosciamo. Le vicende storiche risorgimentali passano da Bergamo e coinvolgono il Teatro, tra fortune alterne e amministrazioni illuminate. Vincenzo Bellini vi cura la messinscena della Norma nel 1831.

Nel 1840 per la prima volta Bergano tributa una pubblica manifestazione al bergamasco Gaetano Donizetti, presente in Teatro per la rappresentazione della sua opera L’esule di Roma. Giuseppe Verdi, presente in Sala, debutterà al Ricciardi con Ernani nel 1844. Nel 1897, in occasione del centenario della nascita del compositore, e nel corso delle solenni onoranze, il Teatro Riccardi assume il nome, che porta tuttora, di Teatro Gaetano Donizetti.

Mantova – Teatro Sociale – affrancata c. 10 “Leoni” inoltrata il 5\8\1910 dall’Ufficio Postale di  Mantova per  Blankenberghe (Belgio)

Brescia – Ingresso al Teatro Grande – affrancata c. 30 “Imperiale” inoltrata il 29\4\42 dall’Ufficio Postale di Brescia per Napoli. Ed. Pioli, Brescia

tunnel

Categorie

To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi