Autore

Stammlager l’incubo della memoria – Vitoronzo Pastore

L’opera si compone in tre tomi, ogni tomo è formato da 576 pagine. 48 Capitoli. Contengono l’elenco di tutti i campi dei Prigionieri di Guerra in Germania e Territori occupati, i vari tipi di Stalag, le loro mini-storie, e le rispettive corrispondenze di quasi tutte le Regioni d’Italia…

Questi tomi sono dedicati alle centinaia di migliaia di giovani che furono internati nei Campi di prigionia nazisti, a coloro che vi perirono e ai sopravvissuti degli orrori. Il mio intento è fornire il più ampio quadro possibile dell’incubo vissuto negli Stammlager, attraverso testimonianze  e documentazioni, per la Libertà, per la Democrazia, per la Pace, per la Giustizia e per i Diritti Umani.

Questi fogli siano letti e compresi dai giovani di oggi e gli stessi diventino fautori di una rinnovata Resistenza contro le ingiustizie del mondo.

Oltre 1700 pagine che navigano tra testimonianze e bestialità dell’essere umano. Veicolo di Moto, veicolo di Sensibilità, anima del Mondo. Il mio fondamentale pensiero per dare voce a coloro che, in varie forme, offrirono la loro vita per la Libertà e per la Pace; ancora oggi non ascoltati!

Non bisogna fermarsi mai nell’impegno sociale affinché l’operosità di ognuno possa affermare regolari condizioni di interscambio umano e culturale tra i popoli, sia all’interno dei singoli Stati che in tutta la comunità internazionale, in modo tale da debellare guerre e conflitti, e senza dubbio anche le distinzioni etniche, sociali e religiose.

Il Contenuto

Recensioni: “Agire i Diritti Umani” di Pina CATINO: Presidente Club per l’UNESCO di Bisceglie; “Proemio” di Francesca DELL’AIA e Luna PASTORE, “Verweigerer” di Cav. Dr. Michele MIULLI, ricercatore ed esperto d’Arte, ufficiale nei Carabinieri esperto nella Tutela del Patrimonio Artistico; “Premessa” di Luigi PALMIOTTI, Storico e Direttore del Museo Etnografico “Francesco Prelorenzo” di Bisceglie; Presentazione dell’architetto Antonio PASTORE, Presidente Associazione Turistica Pro Loco di Casamassima.

Introduzione dell’Autore; Pizzini lanciati dai vagoni-bestiame transitati alle stazioni ferroviarie di Trento, di Bolzano, di Treviso, di Venezia e intermedie dopo l’8 settembre 1943.

I tomi contengono l’elenco di tutti i Campi dei Prigionieri di Guerra in Germania e Territori occupati, i vari tipi di Stalag, le loro mini-storie e le rispettive corrispondenze di quasi tutte le Regioni d’Italia.

Due capitoli  sono dedicati alla documentazione Tedesca: Interruzioni di fine rapporto di lavoro dai diversi Campi; Schede e tessere di lavoro; Attestati di trasformazione a lavoratori civili; Schede sanitarie e di ricovero; Carte d’identità rilasciate dai Campi di liberazione in attesa di rimpatrio; Messaggi della C.R.I.; Lasciapassare dai vari Comandi; Altri documenti. Corrispondenze dai Campi di lavoro tramite cartoline Postali tedesche.

A questi Capitoli si interpongono Capitoli dedicati agli I. M. I. di Città, Province e Comuni italiani:

I Comuni dell’Area metropolitana di Bari: Conversano, Castellana Grotte, Acquaviva delle Fonti, compreso Caduti e Dispersi (di seguito C.D.), Santeramo in Colle, Valenzano, Putignano, Noicattaro, Turi e C.D., Gioia del Colle, Cassano delle Murge e C.D., Sammichele di Barie C.D., Locorotondo, Noci, Grumo Appula, Bitetto, Bitritto, Sannicandro di Bari, Toritto, Gravina di Puglia, Modugno, Palo del Colle e C.D., Altamura, Molfetta, Giovinazzo, Alberobello e C.D., Adelfia e C.D., Capurso, Carbonara e Ceglie del Campo, Cellamaree C.D., Mola di Bari, Monopoli, Polignano a Mare, Triggiano, Terlizzi e C.D., Ruvo di Puglia, Corato, Rutigliano e C.D., Bitonto, Casamassima e C.D., e Bari.

Area metropolitana BAT.: San Ferdinando di Puglia e C.D., Trani, Barletta, Andria, Bisceglie e C.D., Spinazzola, Minervino Murge, Canosa.

Area metropolitana di Milano: Corrispondenze I.M.I. e C.D.; Area metropolitana di Monza e C.D.

Comune di Roseto degli Abruzzi; Area metropolitana di Teramo e C.D.

Area metropolitana di Catanzaro, Staletti, di Faroleto Antico, di San Vito sullo Ionio, di Sersale, di Chiaravalle Centrale, di Soverato, di San Sostene e di Badolato.

Area metropolitana di Taranto, Talsano, Statte, Massafra, Castellaneta, Mottola, Crispiano, Pulsano, Leporano, Laterza, San Giorgio Jonico, Palagianello, Grottaglie, Ginosa.

Area metropolitana di Cosenza, Acri, Altomonte; Area Metropolitana di Crotone, Strongoli, Cirò Marina e Superiore, San Mauro Marchesato; Area metropolitana di Vibo Valentia: Filadelfia, Mileto, Tropea, Monterosso Calabro.

Area metropolitana di Alessandria, di Novara-Verbania, di Vercelli-Biella, e dell’Area metropolitana di Brindisi e di Lecce.

L’eccidio della Divisione “Acqui”; Trascrizione dell’Attestazione Giurata del 25 agosto 1945 del caporale Luigi BRIASCO e del caporale Tolmino BOMBARDA, vistata dal Colonnello Bruno TOSCANO Comandante del Campo Italiano di Spremberg (probabile atto probatorio al Processo di Norimberga sui fatti di Cefalonia); Sintesi del 1° marzo 1953 del Ritorno in Patria delle Salme dei Caduti di Cefalonia e Corfù; Testimonianze degli “Acquini” di Francesco MARIELLA, di Francesco MANZARI, di Leonardo MASSARO, di Giovanni LOSURDO, di Antonio MONNO, di Vincenzo ROSATO; Alcuni militi della Terra di Bari; Il 49° Reggimento di Fanteria “PARMA”.

I naufraghi dell’affondamento delle navi ORIA, SINFRA, PETRELLA, ARDENA e ROSSELLI.

Un Capitolo è dedicato al Campo di Lavoro di Schöneweide (Berlino), Mostra-Museo “Tra più Fuochi”.

Le tragedie: L’eccidio di Gardelegen; Fullen “Il Campo della Morte” – Associazione Nazionale Reduci della Prigionia. Stalag 307 – La Fortezza della morte; Stalag 352 – Dalla Bielorussia con terrore.

L’eccidio di Sebalduschof di Treuendrietzen, Campo delle torture (o inferno dei vivi?) – Birkenau – I due documenti-testimonianze furono probabilmente atti probatori al Processo di Norimberga.

Il sentiero di Anne Frank; i Campi degli strazi dell’animo (campi di Sterminio); testimonianza del Generale Felice PORRO; il concime fertilizzante dei Tedeschi; Sonetti di Salvatore MEMEO.

I diari del del Ten Col Michele Abbadessa durante la permanenza al Campo Raccolta ex Internati Italiani di Spremberg. Sogni di fame.

Oltre 60 messaggi della Croce Rossa Internazionale; 70 documenti I.M.I. in bilingue; libretti di lavoro; 50 cartoline postali tedesche inoltrate dai Campi di lavoro; 18 piastrine prigionieri di guerra dei vari Stalag; oltre 70 cosiddette “schede di cattura” e trascrizioni di circa 1.300 corrispondenze da e per gli Stammlager; Centiaia di immagini degli Stammlager, dei Protagonisti e dei Monumenti dei Caduti dei Comuni italiani.

Tantissime sono le Testimonianze italiane ed estere.

Il “libro” è stato insignito dal Premio Internazionale per i Diritti Umani “Victor Hugo” conferito dall’Accademia Italia in Arte nel Mondo.

Il costo: i tre tomi con il cofanetto euro 75,00, senza cofanetto euro 65,00.

Il ricavato della vendita sarà devoluto in beneficenza.

Editore SUMA (novembre 2017)

To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi